Durata Video:
Minuto Video:

È possibile salvare la posizione del video in qualsiasi momento, così da riprendere da dove si è lasciato.

Riavvolgi

È possibile riascoltare gli ultimi 30 secondi, l'ultimo minuto, gli ultimi 5 o ricominciare il video.

Mantenimento dei figli maggiorenni non economicamente autosufficienti

Sommario: 1) Il diritto al mantenimento nel codice e nella Costituzione 2) L’estinzione del diritto al mantenimento 3) L’evoluzione normativa 4) Il rapporto con la contribuzione durante la minore età 5) Il concetto di “indipendenza economica” 6) Il ritorno della situazione di dipendenza 7) La colpevolezza del figlio

Oggetto della lezione è il diritto al mantenimento del figlio maggiorenne economicamente non autosufficiente e la definizione dei suoi limiti. L’analisi della questione è svolta tenendo conto dell’evoluzione normativa della materia, che nel 2006 è stata innovata attraverso il parziale recepimento delle posizioni della giurisprudenza. Partendo da ciò, l’autore analizza le problematiche interpretative sia processuali che sostanziali ancora irrisolte. Tra queste, si approfondiscono il significato dell’espressione “indipendenza economica”; le conseguenze di atteggiamenti “passivi” del figlio maggiorenne e le ipotesi di perdita dell’indipendenza.

L’AUTORE Giuseppe Lisella si è laureato in giurisprudenza con lode presso l’Università degli Studi di Camerino nel 2012, dopo essere stato all’Università di Potsdam nell’ambito del progetto Erasmus. Ha conseguito il diploma di specializzazione per le Professioni Legali presso l’Università degli Studi di Roma “La Sapienza” nel 2014, dopo aver svolto il tirocinio curricolare alla Procura Generale presso la Suprema Corte di Cassazione, in materia penale. Nel 2018, dopo un periodo come visiting research student al King’s College di Londra, ha conseguito il dottorato di ricerca in “Internazionalizzazione dei sistemi giuridici e diritti fondamentali”, col massimo della valutazione, presso l’Università degli Studi della Campania “L. Vanvitelli” (già Seconda Università degli Studi di Napoli) con la tesi “Procedimento sommario di cognizione, appello e «giusto processo»”. È stato poi titolare, sempre nel 2018, di un assegno di ricerca presso l’Università degli Studi di Napoli “Federico II” nell’ambito del progetto, finanziato dalla Commissione europea, «CREA –Conflict Resolution with Equitative Algorithms». Ha conseguito l’abilitazione d’avvocato nel 2016. Idoneo al concorso in magistratura ordinaria indetto con D.M. 31/05/2017, è in attesa di nomina.

  1. 1 Dicembre 2023

    Muchas gracias. ?Como puedo iniciar sesion?

Write a comment:

Your email address will not be published.